Messaggio ricevuto l’11 luglio 1973: Ascolta Israele

La mano del Signore fu su di me per annunciare
a Israele ciò che segue…

Ascolta Israele!
Figli di Giacobbe siate attenti!
Ascolta Israele la Parola di Yahvè Sabaot:
Dai quattro angoli del mondo vuoi raggrupparti,
Navigando sul sangue che fai colare.
Ascolta ora ciò che ho da dirti, prima della fine, prima della tua fine;
Un’ultima parola,
Una parola d’amore
A dispetto della giusta collera a cui ti destino.
Ascoltami dunque ovunque tu sia, chiunque tu sia.
Hai recalcitrato e ti ho castigato.
Hai scosso il Giogo, il Giogo leggero,
E io ti ho frustato!
Contro il mio Cristo ti sei eretto,
Allora contro te Io Mi sono alzato.
Ascolta senza irritarti di sentire la Verità:
Vano è il tuo culto; non mi è indirizzato.
Non lo ricevo! Parola di Jahvè!
Il sangue del Giusto tu hai sparso;
Il sangue di Abele e dei profeti e di Gesù.
Ascolta Israele adesso ascolta, se hai orecchie:
Non essere più una giovenca ostinata,
Non essere più come le mucche di Basham,
Non fare più la Bestia,
Perché la Bestia, dice l’Apocalisse,
Va alla sua rovina, anche se risale dall’Abisso.
Ascolta ti supplico, per una volta, è l’ultima:
Ai piedi del muro hai un bel da gridare,
Ai piedi del muro hai un bel da piangere,
Ai piedi di questo solo muro hai un bel da gesticolare,
Hai un bel da suonare il corno e da pestare i piedi,
Hai un bel da attorcigliarti,
Hai un bel da colpirti il petto,
Da attorcigliarti fronte e braccio,
Israele, Io non ti ascolto!
È ai piedi della Croce che devi presentarti,
È ai piedi della Croce che devi purificarti.
Al muro del pianto, se insisti, puoi andare…
Ma ascolta Israele:
È ai piedi della Croce che devi lamentarti,
Se vuoi pretendere di essere, da Me, ascoltato,
Ascolta allora Israele:
È quando tu mi ascolterai che Io ti ascolterò,
Perché la tua rovina è vicina!
Ha! Ha! Tu ridi?
“Io seggo Regina” dici tu?
Ma ecco, in un solo giorno, le disgrazie piomberanno su di te.
Ascolta Israele, la tua unica muraglia scomparirà,
E allora dove andrai a gemere? Dove ti lamenterai?
Il tuo Tempio non l’avrai!
Parola di Jahvè Sabaot.
Io ti parlo ancora una volta, un’ultima volta ancora,
Prima della fine, prima della tua fine, questa volta definitiva.
Riconosci il mio Cristo…se no…
Egli ti aveva messo in guardia; tu hai disubbidito.
Allora la disgrazia è venuta su di te, come Egli ti aveva detto.
Nel 70, il tuo Tempio, sono Io che l’ho distrutto,
È ciò che hai voluto, tu, sì tu lo hai voluto
Distruggere il mio Tempio, il mio Beneamato,
Il mio Figlio Gesù Cristo, la pupilla dei miei occhi, sì il Messia,
Nel quale la mia anima, incessantemente, si rallegra!
Ascolta Israele, ascolta,
I giorni passano e non ritornano.
Tu acquisti l’oro, l’oro della terra e fai bene…
Ascolta allora Israele:
Acquista l’oro, l’oro della saggezza, della Divina Saggezza,
Mentre c’è ancora tempo.
E se vuoi, su te spargerò il suo Sangue divino,
Sì su te e sui tuoi figli,
Per la tua salvezza, non più per la tua condanna.
Israele, nella tua grande potenza, nei tuoi giorni di forza,
Cerca di seguire i miei passi affinché indebolita,
La debolezza non ti confonda.
Ascolta Israele, tu molto potente
Ciò che ti dice l’Onnipotente,
Se no sarai ridotto a niente.
O Israele, Israele quante volte, ma quante volte
Ho voluto covarti e non hai voluto.
Israele per una volta, per quest’ultima volta,
Ascolta la parola di Shaddaï
Ascolta la parola di Jahvè
Ascolta dunque il Verbo Onnipotente…